More
    TennisTalker MagazineCuriositàTennisti - cantanti, si ma quali? Scopriamoli insieme!
    Pubblicato in:

    Tennisti – cantanti, si ma quali? Scopriamoli insieme!

    Andrey Rublev, 19 anni, è stato ai quarti di finale degli United States Open, dove ha affrontato la testa di serie Rafael Nadal.

    Due anni prima, durante l’Open, Rublev faceva onde molto diverse: quelle sonore.

    Con tre amici, Rublev aveva formato una cover band dei One Direction chiamata Summer Afternoon e ha pubblicato un video musicale per la canzone della band “Steal My Girl”. “Ci stavamo solo divertendo”, ha detto Rublev della band, che non ha pubblicato alcun brano successivo. “Ora, il tennis è la mia vita. Fin da bambino mi è sempre piaciuta la musica; Stavo provando anche a suonare la chitarra. Ma ora sono al 100 percento nel tennis”.

    Rublev non è l’unico tennista di alto livello che si è dilettato nella musica. Anche Roger Federer, Tommy Haas e Grigor Dimitrov si sono uniti per formare una boy band chiamata “One-Handed Backhand Boys”. Aiutati da un cameo di Novak Djokovic, hanno eseguito “Hard to Say I’m Sorry”, una canzone scritta dal suocero di Haas, David Foster, e resa popolare dalla band Chicago.

    Caroline Wozniacki

    L’uso generoso dell’autotune da parte dei One-Handed Backhand Boys sembra sottile rispetto al singolo “Oxygen” di Wozniacki del 2012. Non ha più provato a fare musica da allora.

    Yannick Noè è il tennista diventato musicista di maggior successo, di gran lunga, il campione degli Open di Francia del 1983. Noah, capitano francese della Coppa Davis, ha pubblicato il suo primo di otto album, “Black or What”, nel 1991. Il suo ultimo successo è stato “Angela” del 2010, in omaggio all’attivista e autrice Angela Davis.

    Serena Williams

    Williams è una nota appassionata di karaoke, ma il suo sforzo musicale più professionale è stato un breve brano rap trapelato del 2012, che includeva diversi riferimenti alla sua vita nel tennis. “Vai via da questo mondo: dovresti chiamarmi Venere. Quella è mia sorella; Mi chiamo Serena e in campo li servo”.

    Carol Zhao Zhao, una canadese classificata al 323° posto, ha scritto ed eseguito una canzone intitolata “Concrete” sulla dura vita dentro e fuori dai campi in cemento, e lo sforzo che il suo tempo sulla strada mette sulle relazioni. “Non posso biasimarti per essere passato a qualcun altro. Ma forse solo un “Ehi, come va” sarebbe fantastico. L’amore è la valuta su questa strada, quindi non lasciarti andare. E tutto ciò di cui ho veramente bisogno è che tu mi tenga stretto. Ma qualcosa da mostrare per questo sarebbe sicuramente bello da vedere.. quindi credo che rimarrò qui su questo freddo cemento”.

    Altre canzoni sul tennis sono notevolmente più allegre. Djokovic e Ivo Karlovic hanno unito le forze nel 2010 per un inno antidroga in serbo-croato chiamato “Moja Droga Je Tenis”, che si traduce in “My Drug is Tennis”.

    Djokovic è apparso anche in una canzone della Bryan Bros Band, “Autograph”, che si sono esibiti dal vivo durante l’Arthur Ashe Kids Day nel 2010.

    I risultati hanno meno successo quando i tennisti decidono spontaneamente di cantare in campo. Nel 2014, l’interpretazione di Azarenka di “Happy Birthday” in onore della sua amica Gaël Monfils avrebbe probabilmente dovuto aumentare il conteggio degli errori non forzati.

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari