Vitamina D: quali sono i sintomi di una carenza?

La carenza di vitamina D, o ipovitaminosi D può essere un segnale d'allarme..

0
1609
vitamina D
source:https://www.mag24.es/2021/03/14/la-vitamina-e-e-fondamentale-per-le-difese-immunitarie-ecco-quali-cibi-ne-contengono-di-piu/

Cos’è la carenza di vitamina D?

La carenza di vitamina D sta a significare che non si sta assumendo abbastanza vitamina per rimanere in salute.

Perché ho bisogno della vitamina D e come la ottengo?

Questa vitamina aiuta il tuo corpo ad assorbire il calcio. Il calcio è uno dei principali elementi costitutivi dell’osso. Ha anche un ruolo nel tuo sistema nervoso, muscolare e immunitario.

Puoi assumerla in tre modi: attraverso la pelle, la dieta e gli integratori. Il tuo corpo la forma naturalmente dopo l’esposizione alla luce solare. Ma troppa esposizione al sole può portare all’invecchiamento della pelle e al cancro della pelle, quindi molte persone cercano di ottenere la loro vitamina D da altre fonti.

Di quanta vitamina ho bisogno?

La quantità di vitamina di cui hai bisogno ogni giorno dipende dalla tua età. Gli importi raccomandati, in unità internazionali (UI), sono:

  • – Dalla nascita a 12 mesi: 400 UI
  • – Bambini 1-13 anni: 600 UI
  • – Ragazzi 14-18 anni: 600 UI
  • – Adulti 19-70 anni: 600 UI
  • – Adulti dai 71 anni in su: 800 UI
  • – Donne in gravidanza e in allattamento: 600 UI

Le persone con una grave carenza potrebbero aver bisogno di dosi superiori, ma é sempre bene consultare il proprio medico in quanto si tratta di valori indicativi.

Quali sono le cause della carenza di questa vitamina?

Puoi diventare carente di questa vitamina per diversi motivi:

  • – Non ne assumi abbastanza nella tua dieta
  • – Non ne assorbi abbastanza dal cibo (un problema di malassorbimento)
  • – l’esposizione alla luce solare é poca
  • – Il tuo fegato o i tuoi reni non possono convertire la vitamina D nella sua forma attiva nel corpo.
  • – Assumi medicinali che interferiscono con la capacità del tuo corpo di convertire o assorbire la vitamina D.

Quali problemi causa la carenza di vitamina D?

La carenza di vitamina D può portare a una perdita di densità ossea, che può contribuire all’osteoporosi e alle fratture (ossa rotte). Una grave carenza di vitamina D può anche portare ad altre malattie. Nei bambini può causare il rachitismo. Il rachitismo è una malattia rara che fa ammorbidire e piegare le ossa. Neonati e bambini afroamericani sono a maggior rischio di contrarre il rachitismo.

Negli adulti, una grave carenza porta all’osteomalacia. L’osteomalacia provoca ossa deboli, dolore osseo e debolezza muscolare. I ricercatori stanno studiando la vitamina per le sue possibili connessioni a diverse condizioni mediche, tra cui diabete, ipertensione, cancro e condizioni autoimmuni come la sclerosi multipla. Devono fare peró ulteriori ricerche prima di poter comprendere gli effetti della vitamina su queste condizioni.

Come posso ottenere più vitamina D?

Ci sono alcuni alimenti che contengono naturalmente un po’ di questa vitamina sono:

  • – Pesce grasso come salmone, tonno e sgombro
  • – Fegato di manzo
  • – Formaggio
  • – Funghi
  • – Tuorli d’uovo

Puoi anche assumerla da cibi fortificati. Puoi controllare le etichette degli alimenti per scoprire se un alimento ne contiene. Gli alimenti che spesso hanno aggiunto questa vitamina includono:

  • – Latte
  • – Cereali da colazione
  • – succo d’arancia
  • – Altri prodotti lattiero-caseari, come lo yogurt
  • – Bevande a base di soia

La vitamina è presente in molti multivitaminici. Esistono anche integratori, sia in pillole che liquidi per neonati. Se hai una carenza, il trattamento è con integratori. Verifica con il tuo medico quanto devi prenderlo, quanto spesso devi prenderlo e quanto tempo devi prenderlo.

Vi é piaciuto questo articolo? Se si, continuate a seguirci, sempre qui su tennistalker!

Le informazioni riportate in questo articolo sono a scopo puramente informativo. Rivolgetevi al vostro medico curante se durante un controllo periodico vi é stata diagnosticata una carenza di vitamina D o se lo sospettate.

Fonte: U.S. National Library of Medicine_Medline Plus