More
    TennisTalker MagazineCuriositàTennis: 5 cose di cui ancora non sei a conoscenza
    Pubblicato in:

    Tennis: 5 cose di cui ancora non sei a conoscenza

    Il tennis é uno sport famosissimo, praticato da numerose persone in tutto il mondo, a livello professionale e non. É anche uno sport antichissimo, con radici fin nel Medioevo.

    In luce del fatto che viene praticato da un numero di anni davvero consistenti, porta con sé, nella sua storia, avvenimenti curiosi e fatti storici di cui sicuramente ancora non conoscete l’esistenza.

    Volete saperli? Continuate a leggere e lo scoprirete.

    tennis

    Il tennis e 5 fatti storici da conoscere

    1. Il primo giocatore che conosciamo per nome fu un monarca del XIV secolo, re Luigi X di Francia. Soprannominato Louis il Testardo, era chiaramente un tipo infuocato e le sue passioni si estendevano al jeu de paume, un precursore del gioco che sarebbe diventato tennis, che all’epoca era giocato a mani nude anziché con le racchette. Era così devoto al gioco che divenne il primo a costruire campi al coperto. Dopo una partita molto stancante, bevve troppo vino e morì di polmonite. (Anche se alcuni si chiedevano se l’avessero avvelenato.)
    2. Per un periodo questo sport venne bannato. In Inghilterra, il gioco fu messo fuorilegge nel 1388, apparentemente perché distoglieva le persone dal compito più serio di esercitare le loro abilità di tiro con l’arco, e nel 1397 sembra che i funzionari di Parigi posero un divieto simile perché i cittadini presumibilmente trascuravano il loro lavoro.
    3. Quello che conosciamo oggi come tennis è molto, molto diverso dal gioco che ha preso d’assalto l’Europa tanti anni fa. In effetti, fino al 19 ° secolo, assomigliava poco al tennis di oggi. Quel gioco, che si è evoluto dal jeu de paume, è ancora giocato oggi da un piccolo gruppo di appassionati appassionati ed è noto come vero tennis. Giocato al chiuso, le sue regole sono più complesse e sembra al laico un bizzarro incrocio tra tennis e squash.
    4. Il tennis di oggi si è evoluto nell’era vittoriana. E possiede la sua attuale popolarità per un solo uomo: il maggiore Walter Clopton Wingfield, che ha sviluppato e brevettato le regole del tennis sull’erba negli anni 1870. L’intraprendente maggiore Wingfield rilasciò un cofanetto contenente palle, pali, una rete e un set di istruzioni. Sfortunatamente, diede alla sua versione del tennis il nome “Sphairistike”, che non era un granché come marchio. Non sorprende che non abbia preso piede e per questo il gioco è diventato semplicemente noto come tennis sull’erba.
    5. Wimbledon potrebbe essere il torneo di tennis più iconico di tutti, ma i suoi inizi erano tutt’altro che glamour. Perché l’All England Club ha organizzato il primissimo torneo di Wimbledon nel 1877? Per raccogliere fondi per riparare un rullo per i loro prati. Il singolo maschile è stato l’unico evento, vinto da un certo Spencer Gore, che in precedenza si era eccelso come giocatore di cricket. Il 27enne di Wandsworth potrebbe essersi ritagliato un posto nella storia del tennis, ma evidentemente non pensava molto allo sport, dicendo che “il tennis sull’erba non si classificherà mai tra i nostri grandi giochi”. Fortunatamente, una previsione che non si é avverata…

    Conoscete qualche curiosità sulla storia del tennis? Continuate a seguirci per non perderne nemmeno una, sempre qui su TennisTalker.it!

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari