Bagno di ghiaccio dopo l’allenamento: si o no?

Molti atleti dicono di farne uso. Cosa ne pensate?

0
2494
Bagno di ghiaccio dopo l'allenamento: si o no?

Bagno di ghiaccio dopo l’allenamento: si o no? – Agli atleti viene detto che un bagno di ghiaccio dopo la partita fa miracoli per i loro muscoli. Ma è davvero così? La BBC Future ha indagato per noi.

Vincere o perdere, dopo una partita di tennis, il numero uno britannico Andy Murray, si fa una doccia, un po ‘di cibo e bevande e un massaggio e poi completa la sua routine con un bagno di ghiaccio. Per otto minuti si siede in acqua ghiacciata mantenuta a 8-10 ° C (46-50 ° F) e non è l’unico atleta a usare bagni di ghiaccio per aiutare il recupero dopo una competizione.

Jessica Hill – Bagno di ghiaccio dopo l’allenamento: si o no?

L’eptatleta Jessica Ennis-Hill era solita stare in un bidone con ruote di acqua ghiacciata per il bene dei suoi muscoli. Il successo di questi sportivi e di altri che adottano questa tecnica suggerirebbe che i bagni di ghiaccio funzionino, ma quando cerchi prove dell’impatto di questo doloroso rimedio, è approssimativo.

L’idea è che immergere il corpo in acqua gelida acceleri il recupero dopo l’esercizio riducendo la temperatura, il flusso sanguigno e l’infiammazione nei tessuti dei muscoli. Molti di noi avranno notato che un sacchetto di piselli surgelati riduce il dolore e il gonfiore quando hai stirato un muscolo. In uno studio ai partecipanti è stato chiesto di mettere una gamba in un bagno di ghiaccio dopo una corsa faticosa e di lasciare fuori l’altra. Il gonfiore è stato ridotto nella gamba gelata.

Sará sicuro?

Per la maggior parte di noi un po’ di sollievo dal dolore potrebbe essere abbastanza positivo, ma per l’atleta professionista o il dilettante appassionato i tentativi di mitigare l’infiammazione potrebbero essere controproducenti. È noto che l’immersione in acqua fredda riduce il flusso sanguigno e questo potrebbe rallentare la sintesi proteica muscolare, dove il muscolo si ricostruisce dopo un infortunio o uno sforzo.

Quindi crioterapia come metodo di recupero dopo gli allenamenti e le competizioni sempre più diffuso tra gli sportivi d’alto livello, per recuperare dall’affaticamento, smaltire l’eventuale acido attico e lenire il dolore.

Cosa ne pensate? Voi li fate? Parliamone insieme, sempre qui su Tennistalker!