More
    TennisTalker MagazineCuriositàI miti del tennis da sfatare, che ti impediscono di giocare al meglio
    Pubblicato in:

    I miti del tennis da sfatare, che ti impediscono di giocare al meglio

    Esistono dei miti da sfatare nel tennis, che ad oggi ti impediscono di giocare al meglio. Molti di questi miti sul tennis sono così diffusi che si sono trasformati in lezioni di tennis tradizionali. Probabilmente hai sentito parlare di alcuni di questi.

    La maggior parte dei miti del tennis vengono tramandati da una persona all’altra. Molti miti del tennis hanno origine a causa dei limiti dell’occhio umano. Un occhio umano può osservare solo un determinato movimento del tennis (colpo di tennis) a circa 30 fotogrammi al secondo o meno, mentre una telecamera ad alta velocità può catturare un movimento del tennis in fotogrammi al secondo molto maggiori.

    Il risultato è che l’occhio umano perde molti movimenti chiave all’interno del movimento o del colpo di tennis. La maggior parte delle lezioni di tennis si basa sull’osservazione, ma poiché gli occhi umani vedono solo velocità fino a 30 fps, il risultato finale è stato che le istruzioni tradizionali erano basate sugli occhi umani degli altri. In passato, l’insegnamento del tennis era affidato all’occhio nudo dell’osservatore, che avrebbe poi trasmesso la percezione che aveva di una certa tecnica di tennis. Con l’invenzione della tecnologia recente, le telecamere ad alta velocità sono ora in grado di vedere un colpo di tennis con dettagli molto più nitidi; e quando rallentati, molti miti del passato possono essere smentiti.

    La maggior parte dei miti del tennis viene tramandata dall’allenatore di tennis allo studente e non cambiano.

    Il gioco del tennis è in continua evoluzione. Da un’era all’altra, i migliori campioni del gioco hanno tratti dall’aspetto diverso e persino stili di gioco diversi. Il problema con la maggior parte delle lezioni di tennis insegnate ai club di tennis e ai giocatori ricreativi è che non si evolve con il gioco. La maggior parte delle lezioni di tennis tradizionali sono obsolete e si basano su ciò che i giocatori usano fare in passato, piuttosto che nel presente.

    Mito#1 Muoviti sempre in avanti e intervieni quando colpisci il dritto e il rovescio.

    Ora ecco un interessante mito del tennis che è diffuso nella comunità. Sentirai spesso che i professionisti dell’insegnamento lo insegnano ai loro studenti (per lo più derivati ​​​​da giocatori di tennis di club). Leggerai di questo in libri di tennis, riviste di tennis, comunità di discussione sul tennis online e bacheche e persino da commentatori di tennis dei media televisivi. Esaminiamo questo più attentamente. Sebbene sia l’ideale essere in “modalità offensiva” ed essere in grado di entrare nella palla implichi la capacità di essere in “attacco” piuttosto che in “difesa”, non è sempre possibile né ideale entrare in ogni tiro e andare avanti.

    La realtà è che i migliori professionisti del tennis imparano a giocare in “attacco” e sono anche abili nella “difesa”. Situazioni diverse richiedono un gioco di gambe diverso, il che significa che è fisicamente impossibile andare sempre avanti a ogni tiro di tennis.

    Questa istruzione implica che c’è solo una direzione in cui dovresti sempre muoverti, e quella è in avanti. Ma non è corretto perché i migliori professionisti imparano a muoversi in tutte le diverse direzioni. Avanti, indietro, lateralmente, lateralmente e indietro, lateralmente e avanti, ecc… Cercare di costruire il tuo gioco solo andando avanti è impossibile. Non puoi sempre andare avanti ed entrare. Immagina di provare a costringerti ad andare avanti su ogni palla: quanto sarà innaturale. In questo modo si può alterare notevolmente i tempi e far sì che il tennis diventi un gioco molto più complicato di quanto dovrebbe essere. Sapevi che la maggior parte delle volte i professionisti si muovono “indietro” piuttosto che in avanti?

    In altre parole, i professionisti trascorrono la maggior parte del loro tempo a fare un passo indietro, piuttosto che a intervenire.

    Mito#2 Dovresti riprendere subito la tua racchetta.

    Tutti quelli che hanno preso lezioni di tennis prima hanno sentito questo. L’idea di questo mito del tennis è di riprendere velocemente la tua racchetta, e più veloce è, meglio è. Questo consiglio comunemente insegnato incoraggia un giocatore di tennis a riprendere bruscamente e immediatamente la racchetta, provocando un movimento goffo e affrettato. Il risultato finale è che lo studente si sente ancora affrettato e privo di potere.

    Ancora una volta, questo annulla il tempismo naturale che riguarda tutti i migliori tennisti professionisti del mondo: Roger Federer, Andre Agassi, Maria Sharapova – Ognuno di questi giocatori professionisti ha giochi fluidi ed efficienti. Se avessero preso a cuore questo “mito del tennis”, probabilmente non sarebbero stati in grado di colpire così bene. I migliori giocatori professionisti hanno un ritmo regolare nei loro colpi e la preparazione e il ritiro non fanno eccezione. I migliori professionisti riprendono le loro racchette in modo fluido, efficiente e dinamico. In realtà stabiliscono quello che viene chiamato un “giro unitario”.

    Sei un allenatore o uno studente? Come alleni o come TI alleni?

    Faccelo sapere nei commenti e continua a seguirci, per leggere di altri miti da sfatare!

    source: http://tennisinstruction.com/tennis-myths/

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari