More
    TennisTalker MagazineRubricheBenessereAddormentarsi velocemente con il metodo 4, 7, 8.
    Pubblicato in:

    Addormentarsi velocemente con il metodo 4, 7, 8.

    Addormentarsi velocemente non é così semplice, molti di voi ne sapranno qualcosa. Che ci si senta stanchi e si abbia così tanto bisogno di dormire poco importa, a volte gli occhi non si chiudono proprio e passano anche ore intere prima di riuscire a prendere sonno.

    Perché succede? Dipende. A meno che non vi siano delle condizioni cliniche accertate che portano ad un sonno non ristoratore, quali l’utilizzo di farmaci per esempio, é lo stress a giocare una buona parte.

    Sembra banale, ma nel momento in cui ci corichiamo ci si riversano addosso tutte le fatiche della giornata, che molto spesso, a causa dei ritmi a cui siamo sottoposti e alla vita sedentaria che conduciamo, sono mentali.

    Avete presente quel pensiero, quella preoccupazione che avete cercato di scacciare per tutto il giorno? Ecco che la notte ritorna a trovarvi, e con lei tutta la stanchezza mentale di una giornata stressante.

    Il metodo 4, 7, 8 é stato creato dal dottor Andrew Weil, medico statunitense laureato alla Harvard University.

    É stato modellato sulla base dei principi di respirazione che si sviluppano e apprendono facendo yoga. Non c’é niente di nuovo quindi, se non la sua applicazione alla routine del sonno.

    Questo metodo sembra apportare un beneficio consentendo di addormentarsi velocemente. Vediamo nello specifico di cosa si tratta:

    Il metodo 4, 7, 8 per addormentarsi velocemente:

    Secondo quanto afferma il dottor Weil, si tratta di:

    1. fare un bel respiro ed espellere tutta l’aria dai polmoni attraverso una completa espirazione;
    2. con la bocca chiusa, inspirare attraverso il naso e contare mentalmente fino a 4;
    3. trattenere l’aria nei polmoni, e dunque il respiro, contando fino a 7;
    4. espirare, con la bocca, per 8 secondi.

    Ora, secondo la tempistica proposta dal ricercatore, ogni ciclo del metodo 4-7-8 durerebbe 19 secondi. E, sempre secondo le ricerche effettuate da Weil, sarebbero sufficienti 3 ripetizioni del ciclo per arrivare a uno stato di rilassamento talmente profondo da favorire il sonno. Dunque, poco meno di 60 secondi per raggiungere il nostro obiettivo.

    É ispirato al pranayama, la filosofia del controllo del respiro che, come vi dicevamo prima, appartiene allo yoga.

    addormentarsi velocemente

    La sua efficacia

    In realtà, partendo da un’analisi degli utenti che hanno sperimentato questo metodo, sembra che non sia così rapido addormentarsi con il metodo 4, 7, 8.

    Quindi, non siamo di certo qui ad illudervi. Ci teniamo però a farvi concentrare sulla sua efficacia rilassante e calmante.

    Sembra infatti che una corretta respirazione possa allontanare le tensioni e lo stress in modo estremamente efficace.

    Nonostante non consenta in tutti i casi di addormentarsi velocemente, é un biglietto da visita verso una filosofia di controllo del respiro per alleviare le tensioni che non é da sottovalutare. Spesso una respirazione corretta può apportare più beneficio a lungo termine di un rimedio palliativo della durata di qualche settimana.

    Non ci resta che provare. Magari non funzionerà subito, ma siamo certi vi permetterà di aprire le porte di un controllo del vostro corpo sempre più consapevole, ascoltandovi e rispettando i ritmi che il vostro corpo vi sta tanto chiedendo di rallentare.

    Provate e fateci sapere com’é andata. Avete qualche metodo da consigliarci per dormire velocemente? Fatecelo sempre, qui su Tennis Talker.it!

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari