More
    TennisTalker MagazineCuriositàVia le racchette, fuori i pennelli, per un progetto che aiuta la comunità negli USA
    Pubblicato in:

    Via le racchette, fuori i pennelli, per un progetto che aiuta la comunità negli USA

    Negli ultimi 50 anni, gli US Open sono serviti da tela per artisti che impugnano la racchetta ai più alti livelli. Nella preparazione del torneo del 2018, cinque artisti professionisti si sono cimentati in campo, scambiando racchette con pennelli, mentre aiutavano a ripristinare cinque strutture pubbliche in tutto il paese. L’iniziativa “Art Courts” dell’USTA ha sostenuto la programmazione del tennis della comunità, con l’aiuto del partner di lunga data Chase e del loro programma di sensibilizzazione della comunità “Return the Serve”, ristrutturando e ridipingendo i campi di Miami, Los Angeles, Chicago, Cincinnati e New York.

    Da Arthur Ashe a Venus e Serena Williams, i tribunali pubblici hanno allevato e costruito campioni. Art Courts è un’estensione del programma USTA e Chase’s Return the Serve, che supporta la Fondazione USTA e i suoi programmi di tennis e istruzione per giovani in tutto il paese attraverso la rete National Junior Tennis and Learning (NJTL).

    Attraverso Return the Serve, Chase ha donato oltre $ 500.000 ai capitoli NJTL locali.

    “Miriamo a cambiare la vita attraverso la nostra rete NJTL. L’obiettivo della campagna di Art Court è accendere una conversazione nazionale sull’importanza di fornire tennis e street art alle comunità svantaggiate“, ha affermato Katrina Adams, presidente del consiglio di amministrazione e presidente dell’USTA.

    I nostri NJTL stanno amplificando l’importanza dei tribunali pubblici e la loro capacità di offrire ai giovani ricche opportunità di crescita, sviluppo personale e cultura“.

    La rete NJTL comprende più di 350 capitoli di tennis e istruzione a livello nazionale, supportati dalla Fondazione USTA attraverso sovvenzioni, borse di studio e assistenza tecnica. Questi capitoli raggiungono più di 200.000 giovani con risorse insufficienti su base annuale. “Siamo orgogliosi del nostro continuo supporto al lavoro della Fondazione USTA per portare il tennis nelle comunità svantaggiate“, aveva affermato Frank Nakano, capo di Sport e intrattenimento per JPMorgan Chase. “Art Courts riunisce in modo unico due forme d’arte offrendo al contempo strutture pubbliche di qualità per i bambini e non vediamo l’ora di vedere i risultati“.

    Il tennis è una forma d’arte e siamo entusiasti di unire le due discipline mentre celebriamo la storia degli US Open mentre gettiamo le basi per il nostro futuro“, aveva aggiunto Amy Choyne, Chief Marketing Officer dell’USTA. Gli artisti hanno libero sfogo per reimmaginare come può essere un campo da tennis. A Miami, il primo mercato, l’USTA sta lavorando con il noto artista collaborativo KiiK Create per dipingere artisticamente due corti al Norman e Jean Reach Park. Il design audace e sorprendente presentato da KiiK Create renderà questi due campi diversi da qualsiasi altro campo da tennis al mondo.

    Altri artisti che avevano raccolto la sfida includono Charliee Edmiston, Justus Roe, Xylene Project e Sen2 Figueroa. Il dipinto dei tribunali nei cinque mercati è stato trasmesso in streaming live sui canali dei social media degli US Open. Gli appassionati e gli appassionati di tennis hanno potuto prendere parte all’eccitazione di Art Courts utilizzando l’hashtag #USOpenArtCourtsxChase. Continuando la storia dell’innovazione degli US Open, quest’ultima impresa ispirerà la prossima generazione a dare sfogo alla propria creatività in campo.

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari