More
    TennisTalker MagazineRubricheBenessereYoga e Pilates: quali le differenze?

    Yoga e Pilates: quali le differenze?

    Uno è una disciplina olistica originaria dell’antica India, l’altro un sistema fisico specifico ideato da un anatomista tedesco all’inizio del XX secolo: mentre potrebbero esserci molti incroci tra yoga e pilates, i due sono intrinsecamente molto diversi.

    Come pratiche oggi, lo yoga e il Pilates sono entrambi celebrati per i loro numerosi benefici per la salute, dall’offerta di connessione al corpo e sollievo dallo stress, allo sviluppo di flessibilità, forza, controllo e resistenza. Ci sono innumerevoli interpretazioni di entrambe le discipline, ma ciò che le collega entrambe è il lavoro sul respiro.

    In parole povere, “la più grande differenza tra i due”, spiega Jill Simpson, fondatrice dello studio di yoga, pilates, balletto e sbarra Ebb&Flow, “è l’enfasi sul lato spirituale nelle lezioni di yoga”.

    Zoe Bertali, insegnante di yoga presso lo studio The Refinery, elabora:“Lo yoga è un sistema integrato di gestione della salute che utilizza respiro, movimento e meditazione per unire mente, corpo e spirito. Incorpora anche elementi di filosofia, scienza e un modo di vivere etico. Le lezioni possono variare da quelle delicate e nutrienti a quelle impegnative e sudate”. In effetti, c’è una lezione di yoga per tutti là fuori; dalle varie forme più tradizionali come Hatha e Ashtanga alle interpretazioni creative come lo yoga antigravitazionale e lo yoga della risata.

    Nahid de Belgeonne, insegnante di movimento somatico e yoga, sottolinea che, mentre lo yoga moderno in Occidente è diventato in gran parte basato sul movimento, la pratica ha radici molto più profonde. “Lo yoga è una filosofia spirituale: la pratica fisica costituisce solo una delle otto parti (o arti) del percorso yoga. Gli altri “arti” sono standard etici, autodisciplina, respiro, trascendenza sensoriale, concentrazione, meditazione e uno stato di beatitudine in cui trascendi il sé. Gli ultimi quattro arti sono coinvolti nella meditazione”.

    I PRINCIPALI TIPI DI YOGA, SPIEGATI

    Qui, de Belgeonne scompone i principali tipi di yoga e i vantaggi che ognuno può offrire…

    Iyengar yoga – questo è spesso praticato con oggetti di scena. Mantieni le pose per un certo periodo di tempo, quindi passa a quella successiva. Non c’è flusso tra le pose e molti dettagli in ognuna.

    Ashtanga yoga – questo è lo yoga più veloce che collega le pose con un vinyasa (che significa “passi in un posto speciale”) e ha sequenze progressive in cui ti muovi. La pratica rigorosa dell’Ashtanga significa passare alla serie successiva solo dopo aver imparato quella precedente.

    Hatha yoga – significa yoga energico ed è spesso, erroneamente, usato per descrivere uno yoga più dolce. Aspettati meno flussi e più lavoro sul pavimento.

    Power yoga – questo prende da Ashtanga ma si sbarazza della severità delle sequenze di ashtanga e spesso ha l’equilibrio delle braccia, comprese le verticali, disseminate durante una lezione. è la versione “fitness” dello yoga.

    Hot yoga – è una sequenza di pose che si tengono per un certo tempo. La stanza è riscaldata a circa 40 gradi.

    Yoga riparativo : questa forma di yoga utilizza oggetti di scena come sostegni, cinghie e cinture da yoga e ti tiene in posizione per un po’. L’idea è di rilasciare la tensione nei muscoli.

    Yin yoga : questa versione riguarda il miglioramento della mobilità. Manterrai una posa per un periodo di tempo per allungare le strutture intorno ai muscoli. Lo Yin yoga è influenzato dalla medicina cinese e si dice che le pose attivino le linee meridiane (canali energetici) del corpo.

    LE ORIGINI DEL PILATES

    “Pilates è stato creato da Joseph Pilates che era un anatomista e un genio meccanico”, afferma Bertali. “Si tratta di un sistema fisico che utilizza esercizi mirati molto specifici per migliorare forza, flessibilità e postura con particolare attenzione al core. È una pratica disciplinata che deve essere eseguita regolarmente per fornire benefici”.

    Tendono ad esserci meno variazioni selvagge degli insegnamenti di Pilates, con i tradizionalisti che preferiscono le lezioni sui materassini e coloro che cercano allenamenti più incentrati sul fitness che optano per lezioni su macchine riformatrici basate sulla resistenza. Il Pilates classico, che unisce il lavoro con il mat con tutta una serie di apparecchi Pilates, è considerata la pratica nella sua forma più vera.

    I BENEFICI FISICI

    Se stai cercando di sviluppare la forza e l’equilibrio del core, se praticati regolarmente yoga e pilates sono entrambi esercizi ideali per questo. Dato che molte delle pose nello yoga e degli esercizi nel Pilates implicano il sostegno del peso corporeo, lavorano anche vari muscoli su tutto il corpo.

    In generale, il Pilates è una pratica disciplinata che richiede piccoli movimenti concentrandosi su varie aree del corpo. Simpson afferma che mentre gli studenti di Pilates lavorano principalmente sulla forza del core (come notato sopra), raccolgono “vantaggi aggiunti di tonificazione muscolare, forza generale, controllo del corpo e flessibilità”.

    Bertali aggiunge che “se ti piace un allenamento più strutturato senza la componente cardio, questo potrebbe essere l’allenamento che fa per te”.

    Nota anche che lo yoga può aiutare ad aumentare la forza e la flessibilità attraverso i muscoli e le articolazioni. “Nelle lezioni attive e frenetiche è probabile che accumuli molto calore nel corpo che ha un grande effetto rigenerativo” e, ovviamente, brucerai calorie”.

    “Nelle pratiche più lente come lo Yin yoga, dove mantieni le posizioni più a lungo, inizi a lavorare sull’allungamento e sullo spostamento della fascia che è il tessuto connettivo più profondo attorno ai muscoli e alle articolazioni, che alla fine aiuta con la flessibilità”.

    I BENEFICI MENTALI

    La ricerca di MindBody ha dimostrato che il 70% di coloro che fanno yoga o Pilates afferma che allevia lo stress per loro. Entrambe le pratiche insegnano tecniche di respirazione che possono aiutare a combattere i sentimenti di stress e ansia, mentre entrambe incoraggiano tradizionalmente gli studenti ad allineare il corpo con la mente e lo spirito, prendendosi del tempo per concentrarsi sulla cura di sé.

    Essendo un sistema olistico, lo yoga si occupa tanto della mente e dello spirito quanto del corpo. Simpson afferma: “Oltre a essere una pratica fisica, lo yoga include anche la meditazione, prendendosi il tempo per connettersi con il corpo, il respiro e la mente, avendo l’opportunità di rallentare i nostri stili di vita frenetici e concentrarsi su noi stessi”.

    Tuttavia, Bertali ritiene che le posizioni fisiche nello yoga, oltre al lavoro sul respiro e alla meditazione, possano giovare altrettanto alla mente. “Lo yoga ha un effetto estremamente riequilibrante sul sistema nervoso attraverso l’uso di una respirazione più profonda. È una pratica molto disintossicante attraverso i colpi di scena delle posture, aiutando a portare idratazione e afflusso di sangue fresco agli organi e alle articolazioni. La concentrazione e la concentrazione richieste in alcune posizioni ti tengono molto ancorato al momento e fuori dalle distrazioni della giornata, il che aiuta a creare un po’ di spazio nella mente.

    Questo vale anche per Pilates. “Poiché il Pilates è una disciplina dal ritmo più lento che si concentra anche sul lavoro del respiro, può essere estremamente meditativo e antistress”, afferma Bertali.

    Simpson aggiunge: “Il Pilates unisce il corpo con la mente, richiede una buona concentrazione del corpo e del respiro con una concentrazione profonda necessaria per il Pilates di livello avanzato che può aiutare a migliorare la tua salute mentale”. Ma non aspettarti che le lezioni si concentrino sulla meditazione.

    È anche probabile che sia con lo yoga che con il pilates – come si potrebbe obiettare con tutti gli allenamenti – la semplice opportunità di rubare un po’ di “tempo per me” sia un altro motivo per cui sono celebrati per alleviare lo stress, come dimostra l’indice di benessere di MindBody con una correlazione tra la quantità di spazio di testa che le persone ottengono e i loro livelli di benessere generale.

    I BENEFICI RIABILITATIVI

    Sia lo yoga che il pilates sono spesso consigliati da medici e terapisti sportivi come ausilio alla riabilitazione post-infortunio e anche per completare vari sport ad alto impatto.

    Bertali spiega che “Poiché entrambe possono essere pratiche più lente e controllate, possono essere utilizzate per la riabilitazione di lesioni specifiche attraverso l’uso di posture mirate. Allo stesso modo per le persone che si stanno riprendendo da una depressione o da un trauma, il riequilibrio degli ormoni creato attraverso il movimento fisico e il respiro può avere un bellissimo effetto calmante sul corpo e sulla mente”.

    In particolare, Simpson ritiene che il Pilates possa essere più utile per il recupero, mentre lo yoga può aiutare a prevenire infortuni e disturbi sportivi. “Il Pilates è una serie di movimenti mirati e soluzioni adattabili quando un infortunio o un dolore cronico compromettono il movimento e le prestazioni. Nello specifico, afferma Bertali, “può avere un effetto molto riparatore sulla lombalgia e sulla cattiva postura”.

    “Lo yoga è fantastico per aiutare con l’allungamento dei muscoli per le persone che praticano molti sport/corsa/ciclo”, dice Simpson. “Lo Yin yoga aiuterebbe a sostenere queste persone con il loro allenamento e recupero per rallentare e allungarsi in aree mirate” .

    Source: https://www.harpersbazaar.com/uk/beauty/fitness-wellbeing/a25626354/yoga-vs-pilates/

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari