More
    TennisTalker MagazineTennis TTIntervisteEleonora Alvisi, una giovane promessa del tennis italiano che ha già in bacheca un importante...

    Eleonora Alvisi, una giovane promessa del tennis italiano che ha già in bacheca un importante trofeo parigino

    ELEONORA ALVISI, è nata in Puglia, terra di grandi campionesse come Flavia Pennetta e Roberta Vinci ed è giovanissima, ha da pochi giorni compiuto 19 anni. Attualmente è al n.891 della classifica WTA e nel 2021 ha raggiunto la posizione n.36 del ranking ITF Juniors. Nel 2020 ha vinto il Roland Garros Juniores di doppio in coppia con Lisa Pigato e lo scorso marzo ha vinto un ITF $15.000 a Marrakech.

    DOVE TI TROVI IN QUESTO MOMENTO, SEI ALL’ESTERO? Al momento sono a Formia presso il centro Tecnico Federale dove mi alleno dall’anno scorso. 

    CHI E’ IL TUO COACH? Il mio allenatore è il maestro Giovanni Paolisso che mi segue anche nei tornei, con la supervisione del responsabile tecnico Vittorio Magnelli. Ci tengo però a nominare anche Sebastian Vazquez, per me Seba, che mi ha allenata, fatta crescere e supportata fino all’ingresso nella fase professionistica. 

    PUOI SPIEGARCI COME FUNZIONA LA PROGRAMMAZIONE DEI TORNEI E PERCHE’ E’ COSI’ IMPORTANTE? La programmazione dei tornei consiste nel farne il maggior numero possibile, per acquisire esperienza e affinare gli aspetti tecnico/tattici. L’obiettivo è anche quello di raggiungere una certa solidità mentale che si ottiene soprattutto giocando partite difficili, contro avversarie di “livello”, e seguendo specifici allenamenti sul campo.

    RACCONTACI DELLA BELLISSIMA VITTORIA AL ROLAND GARROS La vittoria in doppio al Roland Garros in coppia con Lisa Pigato è stata inaspettata per entrambe perché ci siamo trovate lì senza la certezza di entrare nel tabellone e senza precedenti esperienze insieme. Devo dire che ne ho un bellissimo ricordo per tanti motivi. Innanzitutto il posto è magico! Quando siamo arrivate non avevamo grandi aspettative, ma questo ci ha permesso di poter giocare senza pressione. Dal punto di vista tecnico è stato importante in quei giorni ritrovare il giusto timing sul mio diritto, grazie ad alcuni affinamenti suggeriti da Giovanni Paolisso che era a Parigi per conto della Fit. Devo ringraziare anche mio padre che in quei 9 giorni mi ha trasmesso una grande serenità, facendomi da “parafulmine” per il nervosismo e l’ansia che avevo prima delle partite. Non dimenticherò mai le sensazioni e le emozioni provate in quei giorni.

    QUAL’E’ IL TORNEO CHE PIU’ IN ASSOLUTO TI PIACEREBBE GIOCARE E PERCHE’ NO, VINCERE? Il torneo che mi piacerebbe giocare e provare a vincere un domani è l’US Open, così come ha fatto la mia corregionale Flavia Pennetta ma, al momento, è un sogno lontanissimo.

    HAI QUALCHE ALTRA PASSIONE OLTRE AL TENNIS? Un’altra mia passione sportiva è il motocross per quel senso di libertà e soddisfazione che non riesco a spiegare, ma che sicuramente richiede un pizzico di pazzia. Comunque non potrò praticarlo per un bel po’ perché non voglio correre rischi, sono troppo concentrata sul tennis e al massimo mi concederò qualche passeggiata tranquilla. 

    SO CHE SEI GIOVANISSIMA, MA HAI MAI PENSATO AL TUO FUTURO, FRA TANTI ANNI, DOPO IL TENNIS? COME TI IMMAGINI? Al momento non riesco a pensare a un futuro lontano e, soprattutto, senza tennis. Magari ne riparliamo tra tanti tanti anni…

    Alvisi

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari