More
    TennisTalker MagazineNewsMurray, trovare un allenatore per trovare continuità
    Pubblicato in:

    Murray, trovare un allenatore per trovare continuità

    A Doha Andy Murray verrà seguito da Colin Fleming, mentre a Dubai tornerà ad essere affiancato da Dani Vallverdu.

    Lo scozzese a dicembre aveva messo fine alla collaborazione di lunga data con Jamie Delgado, separazione a cui era seguito un periodo di prova con Jan de Witt, a sua volta licenziato dopo l’inaspettata debacle agli Australian Open contro il giapponese Taro Daniels. 

    Vallverdu – che l’ha già affiancato durante la spedizione a Rotterdam – rappresenta solo una soluzione provvisoria visto il suo impegno con Stan Wawrinka, al momento fuori per infortunio. 

    Chi è Colin Fleming? Fleming non solo è scozzese come Murray ma i due sono amici d’infanzia. Ha vinto otto titoli ATP nel doppio, è cresciuto vicino al Linlithgow Tennis Club a West Lothian ed è un gran fan di Partick Thistle. Una delle sue migliori vittorie nel doppio è stata quella nel Delray Beach Open in Florida, mentre vincere la medaglia d’oro insieme a Jocelyn Rose nel misto all’edizione 2010 dei Commonwealth Games è stato il suo più grande successo. Ha anche giocato in doppio sia con Andy che con Jamie Murray.

    “Sto cercando di trovare una soluzione più permanente così che io possa avere più costanza riguardo alle cose su cui lavoro, perché avere messaggi diversi ogni settimana dalle persone con cui lavori non è l’ideale”

    Murray, tornato tra i primi cento dopo un’assenza di quattro anni, crede di essere sulla giusta strada: “Penso sia così, è vero che non mi è andata bene (contro Auger-Aliassime) ma rispetto a inizio anno ci sono stati alcuni segnali positivi.

    “Sento che davvero il mio tennis può essere di molto migliore. Non mi sembra di aver perso perché davvero faticavo a muovermi, ma penso che il tennis possa migliorare e credo succederà, ammesso che io lavori bene e in maniera costante sulle giuste cose per un certo periodo di tempo”.

    “Sicuramente non succederà da un giorno all’altro perché alcuni degli errori tecnici che continuo a fare sarà 18 mesi o giù di lì che me li porto dietro, per cui ci vorrà un po’ di tempo per perdere queste abitudini. Dovrò lavorare tanto su di loro per cambiarle”. 

    Fonte: https://www.skysports.com/tennis/news/12110/12539382/andy-murray-briton-seeking-new-coach-so-he-can-add-consistency-to-his-game

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari