Ritornano i Campionati Assoluti, 50 anni dopo la sfida storica tra Pietrangeli e Panatta

La storia del campionati assoluti italiani, da fine 800 fino ad oggi, cinquantenario della sfida storica tra Pietrangeli e Panatta!

0
1720
campionati assoluti

Oggi, lunedì 22 giugno siamo qui a parlavi di Campionati Assoluti, una manifestazione che farà da padrona per tutta la durata di questa settimana.

I campionati italiani assoluti erano quei tornei organizzati dalla FIT dal 1895 al 2005. Il primo uomo che tentò di organizzarli fu Gino De Martino a fine 800.

Sono stati anni gloriosi, che hanno incoronato delle vere e proprie leggende del tennis italiano, tra le quali ricordiamo dal 1926, Lucia Valerio, che vinse nove titoli consecutivi, dopo i cinque di Rosetta Gagliardi, la seconda italiana a gareggiare alle Olimpiadi in qualsiasi sport. Lucia Valerio è stata persona importantissima nel tennis femminile italiano, capace di raggiungere due volte i quarti al Roland Garros e una a Wimbledon, nel 1933.

Tra gli uomini arrivò invece Giorgio De Stefani, il più importante tennista italiano degli Anni ’30, di titolo tricolore ne vinse uno, nel 1930. De Stefani fu il primo italiano ad arrivare in finale al Roland Garros. Altri nomi di tennisti che fecero la storia sono Ferruccio Quintavalle, Gianni Cucelli, Marcello e Rolando Del Bello. Cucelli e Marcello Del Bello formarono il primo grande doppio della storia italiana. Cucelli, all’anagrafe Giovanni Kucel, fu cinque volte campione in singolare e soprattutto fu molto amato dalle folle dell’epoca, che amavano il suo gioco completamente fuori dagli schemi.

La storia del campionati assoluti italiani

Negli anni 50 abbiamo Fausto Gardini e Beppe Merlo, la cui rivalità divise il pubblico italiano, Pietrangeli, Sirola, Barazzutti e Panatta.

Quella del 1970 tra Pietrangeli e Panatta fu una finale cosi seguita che la Rai la mise in programmazione affinché fosse vista da tutti, anche se alla fine non la trasmise.

campionati assoluti
Pietrangeli e Panatta, 1970

Man mano che si sono susseguiti gli anni, abbiamo avuto Federica Monsignori, Raffaella Reggi, Sandra Cecchini, Linda Ferrando seguite, al maschile da  Simone Colombo, Massimiliano Narducci, Claudio Pistolesi, Massimo Cierro e Stefano Pescosolido, oltre a Diego Nargiso, che vinse sia in singolare che in doppio e Starace.

Dopo gli anni ’90 il torneo iniziò, purtroppo, a perdere d’importanza. Gli ultimi che vinsero, negli anni 2000, in un ultimo tentativo di rendere appetibile l’evento, furono la Schiavone e Volandri.

I campionati assoluti erano un’occasione per farsi valere a casa propria, seguiti da migliaia di telespettatori che si schieravano a favore del loro tennista preferito.

Il ritorno dei tornei italiani

Una manifestazione che, dopo tanti anni, sembra ritornare in auge. Sicuramente la pandemia di coronavirus ha influito sull’importanza del rivalutare il fai da te, il made in Italy che tanto era stato dimenticato.

Avere la possibilità di strutturare un torneo sul suolo italiano dando valore agli atleti che ad oggi, il tennis italiano, può vantarsi di avere, non é cosa da poco.

Partecipare e vincere un titolo tutto italiano é un vanto e finalmente, gli assoluti sono stati riorganizzati.

I tornei sono già iniziati. Li state seguendo?

A partire da domani sera Tennistalker potrà godere della partecipazione di Stefano Pescosolido, ex tennista vincitore dei campionati assoluti in 2 occasioni, nel 93 e nel 97, che commenterà con noi con brevi dirette serali quello che sta accadendo sui campi di Todi.

Seguici sulla nostra pagina Instagram per non perdere le dirette e tutte le ultime novità!