More
    TennisTalker MagazineConsigliCorde per il tennis: come sceglierle senza sbagliare
    Pubblicato in:

    Corde per il tennis: come sceglierle senza sbagliare

    Le corde per il tennis sembrano un accessorio meno importante rispetto ad un telaio che si rispetti o ad un overgrip resistente, ma invece non é così. Una corda scelta male può influire sul livello di gioco tanto quanto un paio di scarpe dalla suola inadatta o una racchetta non confortevole.

    L’obbiettivo di questo articolo é quello di fornirvi un’indicazione generale sulla scelta della corda, in particolare se soffrite di dolori al braccio e vi state chiedendo da tempo il motivo di tale sintomatologia.

    I tipi di corde per il tennis:

    • Corde monofilamento: hanno un unico filamento, di solito in poliestere. Sono caratterizzate da un buona resistenza alla rottura, scarsa durata di tenuta di tensione e una notevole rigidità. Nelle prime ore di gioco, la pallina é molto reattiva su queste piatto corde, ed é per questo che conferisce grande controllo ed é usata dai professionisti. É la corda più comune.

    Weisscannon Turbo Twist – 1.18

    Clicca qui per vedere il prezzo aggiornato

    • Corde con nucleo solido (Syntetic Gut): si tratta di un incrocio tra una corda monofilamento e una multifilamento. Hanno un nucleo centrale solido circondato da numerosi filamenti. Sono buone per quanto riguarda la resistenza alla rottura e in termini di tenuta di tensione. Grazie ai filamenti esterni, la corda é più morbida. È consigliata ai giovani tennisti poiché essendo meno rigida, rende meno traumatico il colpo per le articolazioni.

    Head Synthetic Gut 

    corde per il tennis

    Clicca qui per vedere il prezzo aggiornato

    • Corde multifilamento: sono composte da tanti piccoli filamenti incrociati tra loro. Non hanno un nucleo centrale. Sono molto simili al budello naturale, con una buona tenuta di tensione e sono particolarmente elastiche. Inoltre, danno un’ elevata sensibilità sulla palla, una grande potenza e profondità di gioco.

    Wilson WRZ941900 Corda da Tennis NXT Control

    corde da tennis

    Clicca qui per vedere il prezzo aggiornato

    • Corde in budello naturale: il materiale é ricavato dalla lavorazione dell’intestino delle mucche. Sono le migliori qualitativamente parlando e per questo motivo sono anche le più costose. Hanno una buona sensibilità al tocco, sono resilienti, elastiche e confortevoli.

    Pacific Tournament PRO Tough Gut

    corde da tennis

    Clicca qui per vedere il prezzo aggiornato

    Considerazioni finali

    La scelta della corda per il tennis dipende dal tipo di allenamento che si pratica e cambia in base alle esigenze dell’atleta in termini di prestazioni e resistenza.

    Una corda più sottile tende ad essere più elastica, il che si traduce in maggior morbidezza e sensibilità. Il comfort è migliore e si generano più facilmente gli spin.
    La corda da tennis più spessa invece dura di più, tiene meglio la tensione, e crea un piatto corde più rigido, rilasciando meno energia al momento dell’impatto.

    La tensione più elevata della corda, in particolare, é importante, perché consente maggiore controllo sulla pallina.

    Oltre alla tensione, é bene tenere in considerazione anche il calibro, che di una corda é la misura della sua sezione trasversale.

    I diametri sono variabili. Si aggirano tra 1 mm e 1,50 mm. I più diffusi vanno da 1,24 a 1,35 circa. Una corda con diametro maggiore avrà una potenza e una sensibilità di gioco minore ma una tenuta maggiore. Sarà maggiore anche lo shock da impatto, pesando a lungo andare sulle articolazioni del braccio. L’opposto accade invece con un diametro inferiore.

    La scelta resta quindi personale, in base alle caratteristiche di gioco di ognuno e alle qualità che si vogliono esaltare di più.

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari