More
    TennisTalker MagazineNewsWorld Padel Championships: le donne ridono, gli uomini masticano amaro.
    Pubblicato in:

    World Padel Championships: le donne ridono, gli uomini masticano amaro.

    Il bilancio dell’Italia nella terza giornata del DP World – World Padel Championships

    Le ragazze azzurre capitanate da Marcela Ferrari saranno nel tabellone che mette in palio le medaglie, mentre gli uomini potranno ambire al massimo al nono posto finale, dopo la sconfitta contro il Belgio.

    Per le ragazze l’approdo ai quarti di finale era in cassaforte già da martedì, grazie a due vittorie nelle prime due sfide, ma il duello odierno col Portogallo era comunque importantissimo perché metteva in palio la possibilità di chiudere il girone al primo posto, e quindi di evitare la corazzata spagnola nei quarti di finale.

    Un obiettivo che le azzurre hanno centrato conquistando un bel successo per 2-1 contro una nazionale alla vigilia indicata come una papabile per le medaglie, data la presenza nella sua rosa di un paio di giocatrici di altissimo livello.

    Una è Sofia Araujo, numero 19 della classifica mondiale e quest’anno finalista all’Open WPT di Copenaghen, che nella prima sfida si è però dovuta arrendere – insieme alla compagna Helena Machado – alla buonissima prova di Chiara Pappacena e Giorgia Marchetti, che in rimonta hanno avuto la meglio per 36 63 75, interpretando meglio le fasi decisive dell’incontro, chiuso al secondo match-point con un break nel dodicesimo gioco, propiziato da un errore proprio della più esperta Araujo.

    In seguito, le portoghesi hanno riportato la sfida in parità nel secondo incontro di Katia Rodrigues e Ana Catarina Nogueira, giocatrice di enorme esperienza, oggi numero 36 del mondo e unica non spagnola o argentina capace di vincere un titolo nella storia del World Padel Tour, nel 2019 in coppia con l’attuale numero uno Paula Josemaria.

    Un’esperienza che le è tornata utile per trascinare la compagna a un successo non banale contro Giulia Sussarello e Roberta Vinci, battute per 64 76.

    Buona parte della sfida si è decisa dal 4-3 Italia del primo set, quando le portoghesi hanno infilato un parziale di 5 game consecutivi, mentre il resto è successo nel tie-break del secondo, dopo che Nogueira/Rodrigues avevano annullato alle azzurre una palla del 75. Le due lusitane sono scappate subito sul 3-0 e non si sono più lasciate riacciuffare, siglando l’1-1.

    A quel punto, il compito di regalare un nuovo successo all’Italia era interamente affidato alle pale di Emily Stellato (oggi schierata a sinistra) e Carolina Orsi, le quali hanno governato alla grande la pressione contro Catarina Castro e Patricia Ribeiro.

    Nel punteggio c’è stato equilibrio solo fino al 2-2 del primo set, poi le azzurre hanno cambiato marcia vincendo 10 dei successivi 11 game, fino al 62 61 finale. 

    Nei quarti di finale di oggi le azzurre sfideranno – da favorite – la Germania, che ha chiuso al secondo posto nel Gruppo A alle spalle della Spagna, vincendo un duello decisivo molto combattuto contro gli Stati Uniti.

    La nazionale maschile dovrà invece accontentarsi di giocare per il nono posto finale, nel mini tabellone che accoglie le quattro squadre che hanno chiuso al terzo posto nei rispettivi gruppi. 

    A condannare l’Italia la sconfitta contro il Belgio, figlia di una giornata storta.

    L’ottima prestazione di martedì contro i fenomeni dell’Argentina aveva dato fiducia, così come faceva ben sperare il precedente coi belgi di dodici mesi fa a Doha (in una sfida analoga, anche in quel caso valida il secondo del gruppo e l’accesso ai quarti di finale, vinse l’Italia per 3-0), invece i rivali si sono guadagnati un posto fra le migliori otto del mondiale già dopo le prime due sfide.

    Nell’incontro inaugurale Daniele Cattaneo e Riccardo Sinicropi sono andati in difficoltà dopo aver vinto un ottimo primo set contro Maxime Deloyer e Laurent Montoisy, non riuscendo più a trovare lo stesso rendimento e arrendendosi per 46 61 64, mentre nella sfida successiva Marcelo Capitani e Denis Perino non sono riusciti a trovare il feeling giusto per contenere l’esplosività della coppia composta da Clement Geens e Jerome Peeters, passati per 61 62.

    A risultato acquisito è arrivato un punto per l’Italia grazie a Marco Cassetta e Simone Cremona, a segno per 76 75 contro Jeremy Gala e Alec Witmeur.

    La prossima sfida degli azzurri sarà contro l’Ecuador, e varrà l’accesso alla finalina per il nono posto conclusivo. L’altra sfida del tabellone che assegnerà le posizioni dalla nona alla dodicesima sarà invece fra Uruguay e Messico.

    TORNEO FEMMINILE
    Terza giornata Gruppo C
    ITALIA b. PORTOGALLO 2-1
    Marchetti/Pappacena (ITA) b. Araujo/Machado (POR) 36 63 75
    Nogueira/Rodrigues (POR) b. Sussarello/Vinci (ITA) 64 76
    Orsi/Stellato (ITA) b. Castro/Ribeiro (POR) 62 61

    TORNEO MASCHILE
    Terza giornata Gruppo B
    BELGIO b. ITALIA 2-1
    Deloyer/Montoisy (BEL) b. Cattaneo/Sinicropi (ITA) 46 61 64
    Geens/Peeters (BEL) b. Capitani/Perino (ITA) 61 62
    Cremona/Cassetta (ITA) vs Gala/Witmeur (BEL) 76 75

    Newsletter

    Commenti

    Ti potrebbe interessare...

    Segui i tornei in collaborazione con TENNISTALKER

    più popolari